martedì 5 luglio 2011

Luglio, è tempo di carnevale

Modi divertenti e insoliti di divulgare la scienza

Tempo di carnevale, anzi di carnevali, dove i coriandoli colorati sono numeri, galassie, atomi e balene e le maschere quelle di Gauss, Einstein, Mendeleev e Lorenz. E come luglio anche agosto, settembre, ottobre… insomma tutti i mesi dell’anno. Parliamo dei Carnevali scientifici che da qualche anno si svolgono anche in Italia, o meglio per il pubblico italiano, visto che si tratta di un fenomeno figlio della rete e che trova la sua sede naturale nel web.


Nati sul modello dei Carnival of Science di origine anglosassone, quelli italiani hanno fatto la loro comparsa per la prima volta il 14 maggio 2008. Il Carnevale della Matematica, voluto dal matematico Maurizio Codogno (.mau. per i frequentatori dei suoi blog), è stato il primo a raccogliere, una volta al mese, blogger italiani con la passione per la scienza (in questo caso per la matematica) disposti a partecipare a una iniziativa di divulgazione scientifica attraverso l’uso di tutti gli strumenti multimediali a disposizione. Articoli, video, audio, disegni… qualunque cosa pur di veicolare la scienza in modo interessante e divertente. Il tutto confezionato e presentato, a turno, da un blogger designato che offre ospitalità sul suo blog a questa festa del sapere. Il Carnevale della Matematica è giunto ormai alla 38^ edizione che è ospitata sul blog MaddMaths! e ha come argomento conduttore ”La matematica nella vita quotidiana”.


Il 30 di ogni mese, invece, si svolge il Carnevale della Fisica, iniziativa nata per estendere a un’altra disciplina la fortunata esperienza matematica. Per celebrare il primo uso scientifico del cannocchiale da parte di Galileo Galilei, avvenuto quattrocento anni prima, nel 2009 Anno Internazionale dell’Astronomia prende il via il secondo dei carnevali scientifici. Il motore questa volta è il giornalista scientifico Claudio Pasqua, animatore di Gravità Zero, uno dei più popolari blog scientifici italiani. L’edizione in corso è ospitata qui sul blog Storie di Scienza e l’argomento principale è ”Il Tempo”.


A conclusione del 2010, Anno Internazionale della Biodiversità, per proseguire nell’opera di divulgazione di questo tema è partito il Carnevale della Biodiversità, grazie all’iniziativa dei biologi e naturalisti Livio Leoni (Mahengechromis Divagazioni di un ciclidofilo), Marco Ferrari (Leucophaea) e Lisa Signorile (L’orologiaio miope). Con cadenza bimestrale possiamo godere della natura in tutti i suoi aspetti, anche i più insoliti. L’edizione in corso, la quarta, è ospitata da Erba volant dove si parla di “Alieni tra noi”.


Sempre Gavità Zero insieme a blog Chimicare, estensione su internet dell’omonima associazione culturale presieduta dal chimico Franco Rosso, in occasione dell’Anno Internazionale della Chimica hanno dato vita al Carnevale della Chimica. Dal gennaio di quest’anno, quindi, sono gli appassionati di questa bella disciplina ad avventurarsi, il 23 di ogni mese, tra atomi e molecole, tra elementi e composti, per creare (si può ben dire!) l’alchimia giusta da presentare al carnevale. Quello che impazza in questo momento lo trovate su Nutrimenti e ha come filo conduttore “Molecole in fermento”.

Queste iniziative, svolte da professionisti della comunicazione, scienziati ma anche semplici appassionati, hanno il comune obiettivo di avvicinare quanta più gente possibile alle tematiche scientifiche. E lo fanno con competenza, precisione ma anche con ironia e leggerezza, rendendo l’approccio a questioni anche molto complesse impegnativo ma divertente.
Per chi è convinto che la cultura scientifica sia fondamentale per una società costituita da cittadini responsabili e informati, questi eventi itineranti che ci vengono regalati ogni mese e che possiamo raggiungere facilmente dalla nostra casa sono un’occasione da non perdere. E sono un prezioso contributo soprattutto nella nostra Italia, dove la ricerca scientifica viene umiliata ogni giorno di più da decisioni politiche dissennate e incolte.

pubblicato su Cronache Laiche

2 commenti:

Annarita ha detto...

Ottimo, Gianni! Una bella carrellata che offre una panoramica in linea con gli obiettivi dei nostri Carnevali scientifici.

Vado a condividerlo nei miei preferiti.

Un caro saluto.
annarita

Giovanni Boaga ha detto...

Grazie mille Annarita!
A presto
Gianni